post-partita-mister-colombo-un-punto-che-da-autostima

Post partita mister Colombo: “…Un punto che da autostima…”

post-partita-mister-colombo-un-punto-che-da-autostima

Queste alcune dichiarazioni rilasciate dal tecnico Alberto Colombo nel post partita di Vicenza-Feralpi Salò.

“…Non è stata una bella partita ma si tratta di un punto pesante che da consapevolezza alla squadra che aveva trovato delle difficoltà nel primo tempo. Non siamo stati belli, abbiamo fatto fatica ad attuare le nostre intenzioni, non ci aspettavamo un avversario così chiuso. Alla fine hanno cercato di giocare principalmente sulle ripartenze…”.

“…Quello che mi preoccupava alla fine del primo tempo era l’aspetto psicologico, siamo stati colpiti su un angolo regalato e ci siamo poi trovati in difficoltà. Il calcio d’angolo è nato complice una serie di circostanze. Ho visto una squadra intimorita nel proporre calcio, sembrava avessimo sulle spalle un fardello così pesante, si tratta di una stranezza. Siamo una squadra che si è presentata da prima in classifica, dovevano essere casomai gli altri a preoccuparsi di noi, invece abbiamo avuto ansia. Forse tanti giocatori non sono ancora abituati ad una platea del genere e a gestire determinate pressioni…”.

“…Nonostante le difficoltà il Vicenza non demorde mai e questo è un aspetto positivo. Si può essere più o meno incisivi ma sappiamo soffrire e rimediare ai risultati. Mi piacerebbe che i terzini si proponessero in maniera più offensiva, giochiamo troppo sulle posizioni in questo momento e diventa poi difficile trovare dei varchi. L’atteggiamento deve cambiare, deve migliorare sapendo che la prestazione non è stata bella. Si può aggiustare dal punto di vista tattico la prestazione ma alla base deve esserci un atteggiamento più spavaldo…”.

“…A volte non riusciamo a dare dei tempi e qualche lettura non è efficace, le caratteristiche di Romizi sono altre, cerchiamo attraverso il lavoro di migliorare le qualità di ognuno in modo da ottenere ciò che vogliamo. Se non riuscissimo a farlo sono costretto io ad andare incontro ai giocatori. L’innesto di Comi per cercare di forzare una palla lunga diventa l’aspetto più facile, anche se non mi piace ma se serve…”.